domenica 19 novembre 2017

Iron Fist (Prima Stagione)

Titolo: Iron Fist (prima stagione)
Episodi: 13
Anno: 2017
Genere: supereroi, azione

La trama in breve:
Tornato a New York City dopo essere scomparso per anni con l'intenzione di ristabilire un rapporto con il suo passato e la sua famiglia, Danny Rand, un miliardario trasformatosi in un monaco buddista ed esperto di arti marziali, combatte contro i criminali e corrotti della città attraverso la sua incredibile padronanza del kung-fu e la capacità di evocare la straordinaria potenza del Pugno d'Acciaio di Iron Fist. (fonte comingsoon)

Il mio commento:
Sinceramente, come personaggio dei fumetti, lo conosco davvero poco. Tuttavia, osservando la sua controparte fumettistica, incrociata, se non erro, nella mini saga Avengers vs X-Men, mi ero fatto un'idea (vaga) di Iron Fist pensando a lui come a un uomo dal carattere piuttosto definito e adulto. Un tipo risoluto, tosto, esperto conoscitore delle arti marziali, un combattente insuperabile, una persona saggia ed esperta, solida.


E, ricollegandomi a un commento apparso su I 400 calci relativo al quarto capitolo della saga di Undisputed, non ci avrei visto male un artista marziale del calibro di Scott Adkins a impersonarlo. O comunque avrei scelto un attore vicino al mondo marziale, qualcuno che mi trasmettesse il sacrificio e la dedizione di anni e anni trascorsi ad allenarsi assiduamente. 
Non avrei optato per (il fu) l'ambiguo ser Loras Tyrell di Game of Thrones, ossia l'attore Finn Jones.
Fatto sta che lui han scelto e lui ci dobbiamo far andar bene. 
Nel complesso, tutto sommato, non se la cava neanche male anche se quello che riesce a regalarci è un personaggio poco incisivo, combattuto per carità, ma ingenuo e, diciamocelo, non così invincibile come invece ossessivamente vorrebbe farci credere. 
La serie in sé poi risulta un po' noiosa, con altri e bassi: da una parte il dissidio e i raggiri in cui si muove Danny, dall'altra gli intrighi e le beghe della famiglia Meachum, famiglia co-fondatrice della multinazionale Rand. Amici - nemici, con personaggi torbidi, facili al vizio, al ricatto, alla violenza seppure con un minimo di anima.
Infine, e probabilmente è qui che la serie ha toppato oltre che nel ritmo un po' troppo rilassato che tende a risultare noioso, ci stanno i nemici, i cattivoni. 
Se in Daredevil si faceva notare un certo signor Kingpin, qui c'è una misteriosa setta nominata La Mano, un'entità che dovrebbe essere un mix tra una setta e una mafia ma, purtroppo, non così ben definita o caratterizzata che rappresenta l'obbiettivo finale della missione del Pugno di ferro. Che, al contempo, dovrebbe proteggere la città sacra di K'un-Lun, una città apparentemente situata in un'altra dimensione raggiungibile dalla Terra ogni tot anni in cui Danny ha vissuto per 10/15 anni e in cui ha ottenuto il titolo di Iron Fist. Ora, se colui che deve sgominare i nemici è anche costretto a pattugliare senza sosta una città irraggiungibile, è evidente che abbiamo un problema: chi glielo fa fare ai nemici di attendere che il passaggio si apra? Non è più comodo portare avanti loschi traffici e piani malvagi altrove, tipo a New York? In fondo, anche volendo, il poderoso Iron Fist che dovrebbero temere se ne sta altrove...

venerdì 3 novembre 2017

Il trono di spade - Game of thrones - Season 7

Titolo: Il trono di spade - Game of thrones - Season 7
Episodi: 7
Anno: 2017
Genere: fantasy

Il mio commento:
Controllando le statistiche di questo mio blog realizzo che oramai son dieci anni che gestisco codesto spazio virtuale: il primo post risale infatti un 23 giugno di dieci anni fa...
Ne è passato di tempo, ecco, e come si può facilmente notare il rapporto mesi/post è variato rispecchiando gli impegni e le energie disponibili. 
Mi piace pensare che sia migliorata la qualità (ahahahah...) dei miei interventi, che i contenuti siano più concentrati ed essenziali, più mirati e incisivi. Il risultato di un lavoro di limatura che ha tolto il superfluo ...e forse anche qualcosa di più.
Un processo analogo a quello subito dalla serie televisiva di cui vado a ciarlare or ora, e con un discreto ritardo rispetto al resto del mondo che ha saputo/potuto seguire lo svolgimento della storia in contemporanea con le uscite della produzione HBO.  
Che poi, a dirla tutta, non è neanche stato facile riuscire a campare sereni sapendo che ad ogni pagina di qualsiasi portale potresti trovare spoiler, rivelazioni, persino false notizie o notizie che ti inducono a pensare a tragici sviluppi per certi personaggi. Idem nel parlarne con chi la stava seguendo, con situazioni in stile RainMan per non incappare potenziali spoiler.
Comunque sia, son riuscito a vedere tutte le 7 puntata della settima stagione. 
E il giudizio complessivo è "ni".





L'aspetto che mi ha dato fastidio - al netto della consapevolezza che ormai la serie tv stia viaggiando libera e senza riferimenti precisi, ovvero senza libri a cui attingere ma semplicemente vincolata adesigenze di mercato e a trame più o meno delineate da quel simpaticone di George R.R. Martin e dallo stuolo di sceneggiatori e autori che lavorano alla serie - è la palese disintegrazione di ogni problematica legata ad aspetti spazio-temporale: i corvi viaggiano più veloci di twitter così come interi eserciti si spostano senza problemi di centinaia di km, e senza che nessuno si accorga di nulla. Idem per le flotte di quei zuzzurelloni degli Uomini di Ferro (arhh), costruite con chissà quale legno visto l'esigua porzione di terra su cui regnano. E vogliamo parlare anche della gente che in poco tempo supera la barriera e individua dei dispersi (nella vastità di un'area che potremmo assimilare alla Siberia...), stessi dispersi che possono correre avanti e indietro senza provviste e senza patire il gelido tocco delle temperature sotto zero. In compenso mi fa piacere scoprire che si può guarire dal morbo grigio in una notte soltanto: pace all'anima dei poveri reietti esiliati e lasciati a morire in luoghi desolati tra atroci sofferenze...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...