sabato 21 marzo 2020

American Gods - stagione 2


Titolo: American Gods - stagione 2
Episodi: 8
Anno: 2019
Genere: fantasy

La trama in breve:
Le vicende proseguono da dove si erano interrotte al termine della prima stagione
Dopo lo scontro avvenuto alla tenuta di Ostara, Technical Boy porta di corsa Mr. World - gravemente ferito da Wednesday - in un bunker chiamato "Rovo Nero": il capo dei Nuovi Dèi gli ordina quindi di trovare Media e di pazientare finché la loro strategia non sia ultimata. Il giorno successivo Shadow, Laura, Sweeney e Wednesday giungono ad House on the Rock, nel Wisconsin, una bizzarra tenuta kitsch che sorge in un luogo particolarmente favorevole per l'energia che emana: qui si tiene la riunione tra i Vecchi Dèi...   (fonte wikipedia)

Il mio commento:
Riconfermo, dopo la visione di questa seconda stagione, l'interesse e il fascino che questi personaggi, questa storia e ambientazione esercitano su di me. La fotografia, nonché la resa di alcune scene conferiscono un indubbio potere suggestivo a quanto proposto nel corso degli episodi. Rispetto alla precedente stagione aumentano i momenti "mistici" ed evocativi, con trasfigurazione di oggetti e personaggi: memorabile a tal proposito la sequenza della giostra proposta nel primo episodio ma anche l'insospettabile potere di Betty, l'auto di Mr. Wednesday, alias Odino.
Non ho approfondito molto alcuni aspetti ma, come suggerisce il cambiamento dell'attrice che impersona Media (da un'ottima Gillian Anderson si passa a una, per me, sconosciuta e poco efficace Kahyun Kim) o la sparizione di Mr. Jacquel (alias Anubi) ci son stati alcuni problemi in fase di produzione...e ce ne saranno altri per la terza stagione (da quel che ho capito hanno tagliato il personaggio di Mr. Nancy, alias dio Anansi). Ecco, non ho indagato più di tanto ma sospetto che queste dinamiche abbiano costretto a qualche cambio di rotta durante la realizzazione di questo stagione anche perché, rispetto alla precedente, mi è sembrata meno ordinata e un po' più dispersiva e, in certi momenti, sconclusionata. 
A inizio puntata non ci sono più le storie di Mr. Ibis a spiegare come le divinità siano giunte negli USA, tuttavia ci sono vari flashback che cercano di gettar luce - e indizi - su alcuni personaggi. Si scopre qualcosa di più su Technical Boy (che, rispetto alle altre divinità moderne, forse è meno recente di quel che sembra) o sull'inquietante Mr. World, divinità legata alla globalizzazione ma anche alla manipolazione delle masse. Suo l'incipit dell'ottavo episodio, con un monologo incentrato su concetti legati alla paura e al controllo che, visto il periodo, risultano assai attuali.




Ma c'è spazio per saperne di più anche sul conto di Shadow Moon, Mad Sweeney e dello stesso Mr. Wednesday: i tre sono ovviamente legati, se così possiamo dire, e difatti nelle ultime due puntate non mancano i colpi di scena che li riguardano fermo restando che i rapporti tra di loro risultano sempre ruvidi, contorti e poco trasparenti. E sempre con riferimento a loro gli autori hanno giocato con la figura di Laura Moon, amata e aiutata oppure detestata e tenuta distante.
Dei tre uomini, sinceramente, quello più complesso e difficile da inquadrare rimane Mad Sweeney, un personaggio tormentato e sfaccettato, alla ricerca di se stesso e di qualcosa che sa di aver perduto. Anche perché sembra aver vissuto varie vite, impersonando ruoli diversi nel tempo.  
Il sesto episodio, Donar the Great, gioca invece un ruolo fondamentale per spiegare alcune dinamiche legate a Mr. Wednesday e ad anticipare il colpo di scena dell'ultima puntata...anche se, tutto sommato, già si intuiva qualcosa considerando che più di una volta i personaggi si son appellati a lui come "padre universale". Probabilmente è per via di quel che è accaduto a Thor Donar che ha cercato di far fuori una certa donna, così da evitare problemi per Shadow Moon. Mr. Wednesday rimane comunque un personaggio istrionico e misterioso, indubbiamente falso e manipolatore.

sabato 7 marzo 2020

Ajin Demi-Human (season 2)

Titolo: Ajin Demi-Human (season 2)
Studio d'animazione: Polygon Pictures 
Anno: 2016
Numero episodi: 13

La trama in breve:
La seconda stagione continua da dove si era fermata la prima stagione, seguendo le vicende degli Ajin (una nuova razza umana capace di sanare le proprie ferite, resuscitare ed evocare misteriosi golem) che, di fronte alla minaccia rappresentata da Sato, scelgono se collaborare con quest'ultimo per una sorta di rivolta capace di destabilizzare la società attuale o ostacolarlo, alleandosi con Kei Nagai ....

Il mio commento:
Della prima stagione di Ajin Demi-Human avevo parlato quasi un anno fa (qui potete trovare il link al mio commento). Ne ero rimasto piacevolmente soddisfatto e quindi eccomi a scribacchiare qualcosa sulla seconda stagione, di cui ho recentemente concluso la visione su Netflix.
Innanzitutto, un po' come per la Casa di Carta, prima e seconda stagione sono in realtà un unico arco narrativo che esplora l'ambientazione e i personaggi proposti, concentrandosi in particolar modo su Kei e su Sato senza tralasciare del tutto anche gli altri co-protagonisti.
Inutile dire che la coalizione di Ajin terroristi organizzata da Sato cresce, nella storia, per pericolosità e deriva: non è affatto facile fermare chi non ha nulla da perdere ma, soprattutto, può rigenerarsi e resuscitare. Se a questo aggiungiamo una buona preparazione militare, la presenza di un hacker tra i militanti e una discreta capacità tattica e strategica, vien da sé che il rischio di veder il governo giapponese soccombere è alto.
Di contro, coloro che possono contrastarlo sono un gruppo eterogeneo composto da agenti speciali ben addestrati (ma umani) e tre Ajin per lo più inesperti e che, per altro, devono agire nell'ombra per non rischiare di venir catturati da quello stesso governo che vogliono aiutare e che ha sguinzagliato squadre di agenti speciali anti-ajin.
In tutto ciò si incastrano vicende personali e approfondimenti sui personaggi che ci permettono di comprendere meglio i rapporti che si son venuti a creare tra di loro (in particolare tra Tosaki e Izumi) oppure di introdurre qualche elemento a sorpresa (come il golem alato che può venir evocato da Takeshi Kotobuki, un personaggio secondario che facilita l'incontro tra Kei e l' "amico" Kaito, funzionale a rincuorare il protagonista dopo una discreta crisi di panico dovuta a Sato...).



Come nella prima stagione, anche in questa la narrazione procede con buon ritmo, senza annoiare, e inscenando quasi una partita a scacchi, dove sangue freddo e strategia possono fare la differenza. Non mancano ovviamente i colpi di scena - soprattutto posti a fine puntata e/o in occasione dei confronti con Sato - e qualche deriva di trama - vedasi coinvolgimento di agenti speciali americani - funzionale, probabilmente, ad ampliare lo scenario in vista di una terza stagione. Tra l'altro, proprio la presenza degli agenti americani lascia intuire un certo maschilismo da parte degli autori visto che sia Izumi Shimomura che Carley Myers sono entrambe Ajin donne al servizio di umani autorevoli che le trattano come pezze da piedi ma che ugualmente desiderano venir trattate male, ci tengono anzi...

venerdì 28 febbraio 2020

Benvenuti a Zombieland

Titolo: Benvenuti a Zombieland
Anno: 2009
Regia: Ruben Fleischer
Genere: commedia, horror
Cast:  Woody Harrelson, Jesse Eisenberg, Emma Stone, Abigail Breslin, Amber Heard, Bill Murray

La trama in breve:
Benvenuti a Zombieland, il film diretto da Ruben Fleischer, è ambientato in un'America conquistata dagli zombi.
Tutto è cominciato con il virus della mucca pazza che mutando ha trasformato gran parte della popolazione in famelici zombi malvagi.
Due mesi dopo l'apocalisse, Columbus (Jesse Eisenberg), studente universitario del Texas, timido e inesperto, sopravvissuto seguendo le sue 30 regole, si sta dirigendo dal suo dormitorio del college ad Austin verso Columbus, nell'Ohio, per vedere se i suoi genitori sono ancora vivi.
Durante il viaggio Incontra Tallahassee (Woody Harrelson), un altro sopravvissuto, particolarmente abile e violento nell'uccidere gli zombi.
Sebbene non sembri socievole, Tallahassee con riluttanza consente a Columbus di viaggiare con lui... (fonte www.comingsoon.it)

Il mio commento:
Sarà la situazione un po' troppo allarmistica nel mondo e nel Nord Italia a causa del coronavirus COVID-19, sarà che questa settimana ho tutte le attività sociali in pausa (corsi di ballo, corsi di arti marziali...), sarà che Netflix me lo segnalava tra i titoli che potevano interessarmi, mi son recuperato questo film di quasi dieci anni fa. Scoprendo or ora che l'anno scorso è pure uscito un secondo capitolo della saga, Benvenuti a Zombieland Doppio Colpo.
Comunque, tornando al film del 2009, già dall'inizio si intuisce che questo film ha un'anima moderna e scanzonata, con intrusioni registiche scanzonate e divertenti nel piazzare qua e là scritte relative alle regole da rispettare per sopravvivere oppure slow motion e scene gratuitamente fracassone e ignoranti. 
Durante i titoli di testa vediamo delle sequenze al rallentatore con persone in fuga, inseguite da zombie piazzati nelle situazioni più disparate: dal locale a luci rosse alla corsa coi sacchi tra padre-figlio, dal banchetto di matrimonio ad un intervento contro un incendio dilagante...e non si scherza nemmeno per le mamme assediate dai bambini festanti o per quanti calano le difese per una sosta al bagno :-P
Per cui è palese l'intento di scherzare con il genere horror e al contempo realizzare una pellicola un po' d'azione e un po' commedia che sappia intrattenere. Un po' come accadeva in quel capolavoro de L'alba dei morti dementi (Shaun of the dead) del 2004 che inaugurava la "trilogia del cornetto". 



I personaggi - il timido e goffo Columbus, lo spavaldo e pazzoide Tallahassee, la cinica e calcolatrice Wichita e sua sorella Little Rock - si ritrovano a viaggiare in un'America devastata e in preda al caos, senza più alcun futuro, braccati dagli zombie. L'aspetto interessante è che nessuno di loro ha velleità eroiche o un piano a lungo termine: malgrado alcuni desideri iniziali (ad esempio andare a Columbus per vedere se qualche parente è ancora vivo) si vive per lo più alla giornata, nella più totale libertà, fregandosene di tutto. Non ci si fa riguardi nel saccheggiare o distruggere, nemmeno si pensa a crearsi un rifugio o a far scorte di viveri...tutto è talmente precario che si pensa solo ad andare avanti. Un po' come i tempi moderni ci stanno insegnando a vivere e agire. Non a caso quindi i personaggi reagiscono in modo sconsiderato, quando si incontrano per la prima volta, minacciandosi o fregandosi a vicenda più che puntando a formare un sodalizio e qualche alleanza, ancora chiusi nel modo di pensare e di agire del mondo "ordinario", di quando gli zombies non c'erano.   
E nel generale fracasso che deriva da dinamiche palesemente stupide o irresponsabili si incastrano situazioni demenziali come il rifugio nella faraonica villa di Bill Murray con tanto di cameo dell'attore stesso, miracolosamente scampato alla pandemia e alle orde di zombies ma ancora in grado di regalare al pubblico una grande - tragica - performance. 
Sui generis le scene d'azione che ci accompagnano verso il finale, con una lotta senza quartiere all'interno di un luna park dove il rude Tallahassee, vestendo i panni del classico eroe d'azione, riesce a dare sfoggio di tutta la sua abilità nell'uccidere (se così si può dire) orde di zombies accorse da ogni dove. Creature verso le quali il personaggio dimostra di possedere una certa vena di cattiveria gratuita, colpendoli a tradimento con sportellate in faccia oppure scegliendo armi ad effetto (le cesoie al posto del fucile, per dirne una). In fondo, è a causa loro che ha perso tutto, in particolare l'occasione di mangiare le merendine Twinkies ...  (e anche un figlio, se è per quello...)



Dopotutto, non è che i sopravvissuti siano una elite scelta, i migliori in qualche campo, dei premi nobel...semmai dei quasi premi Oscar (a parte Emma Stone che l'ha pure vinto)...sono semplicemente dei "fortunati" sostenuti dal proprio spirito di iniziativa che si comportano di conseguenza, senza cedere al terrore o alla paura, ormai consapevoli che quella attorno a loro è la quotidianità con cui devono e dovranno fare i conti. E che forse non è poi tanto peggio di com'era un tempo. Certo, potevano anche farla finita suicidandosi, oppure cedere a vizi ben peggiori per alienarsi dalla realtà, invece la loro forza vitale li sostiene e, seppure a modo loro, e sicuramente deprecabile, scelgono di andare avanti. E pure con una discreta colonna musicale in sottofondo.
Il film dura in tutto circa un'ora e mezza e questa fila via liscia, godibile, senza indugiare troppo nell'horror, accompagnando lo spettatore in un'avventura che non ha né capo né coda (la razza umana pare esser ormai estinta, non esistono eserciti o governi nemmeno l'alba di un ritorno ad un "prima" in cui gli zombies non c'erano), ma che ovviamente porterà a qualche sviluppo nella storia personale di ciascuno dei protagonisti e a riaccendere una flebile speranza che forse, tutto sommato, seppure incerto, un futuro per l'umanità ancora lo si può intravedere. 



Vincere senza combattere

Titolo: Vincere senza combattere
Sottotitolo:  Da Sun Tzu ai 36 stratagemmi: l'arte della strategia secondo l'antico pensiero cinese
Autore: Pierre Fayard
Editore: Ponte Delle Grazie
Genere: saggio
Pagine: 188

La trama in breve:
Capacità di analizzare situazioni e contesti, uso dell'astuzia e della creatività, decifrazione dei segnali che annunciano il cambiamento, attenzione a non sprecare energie e ricerca dell'armonia: queste le doti dello stratega come emergono da due grandi libri sapienziali cinesi, «L'arte della guerra» di Sun Tzu e «I 36 stratagemmi». Fedele all'essenza profondamente pragmatica dell'antico pensiero cinese, Pierre Fayard ha scritto questo libro con il proposito di rendere espliciti all'orecchio e alla mente di noi occidentali i contenuti originariamente espressi in formule poetiche e metaforiche, creando così un ponte tra mentalità orientale e sensibilità occidentale. Utilizzando storie esemplari, antiche o modernissime, lontanissime vicine alla nostra quotidianità, questo libro spiega, chiarisce, approfondisce le massime alle quali sempre più, nel nostro mondo complesso e globalizzato, si ispirano coloro che vogliono coglierne le sfide, nelle decisioni che riguardano la propria vita di tutti giorni, o che hanno a che fare con i massimi sistemi della politica e dell'economia. (fonte www.libraccio.it)

Il mio commento: 
Approfittando di un po' di tempo libero, son riuscito a completare la lettura di questo testo acquistato tempo fa su Libraccio, un testo che mi interessava dal punto di vista dello studio della cultura orientale anche nell'ambito delle arti marziali. Oltre che per quel riferimento ai 36 stratagemmi, argomento che Alessandro, amico e maestro di Qi Xing Tang Lang Quan presso la Kyu Shin Ryu, più volte ha citato negli ultimi anni.
Stando alle premesse della quarta di copertina mi aspettavo un testo molto più articolato, lungo e complesso di quello che mi son ritrovato per le mani, senza contare che dei 36 stratagemmi in realtà ne cita solo una parte, ovvero 25, per scelta dell'autore. Almeno, così è nell'edizione che ho recuperato io, non l'ultima.
Dopo una prima parte dedicata a chiarire aspetti legati a strategia, saggezza, astuzia, cultura occidentale e orientale, l'autore propone riflessioni ed esempi legati ai vari stratagemmi proposti.
Si concentra, in realtà, solo sui primi 4 macro-blocchi - gli stratagemmi in situazioni di dominio (battaglie già vinte), gli stratagemmi sul filo del rasoio (battaglie indecise), stratagemmi d'attacco, stratagemmi degli estremi rimedi (battaglie dalle molteplici possibilità) - e infine sullo stratagemma per eccellenza, ossia la fuga. Da non intendersi come vigliaccheria, sia chiaro, ma come occasione di rinascita e di ripartenza: ostinarsi di fronte a una situazione non porta a nulla, meglio quindi conservare le forze, attendere tempi migliori e affidarsi alla creatività per gettare le basi per una futura occasione di vittoria. 
Il libro, sia per stile per che per impostazione e registro, non risulta pesante o noioso, anzi si legge più che volentieri e mantiene un tono piuttosto discorsivo e non prolisso. Ho trovato interessante il modo in cui l'autore si è soffermato su ciascuno degli argomenti proponendo storie, applicazioni ed esempi generali che un po' si rifanno (suppongo) ai testi originali un po' a dinamiche di vita attuale. Ci sono casi legati alla politica, all'economia, alla "natura" (se così si può dire), e questo è molto utile e interessante per il lettore che riesce a rimappare quanto proposto in un contesto a lui vicino e con risvolti ben comprensibili. 

domenica 19 gennaio 2020

The Witcher

Titolo: The Witcher (prima stagione)
Episodi: 8
Anno: 2017
Genere: fantasy

La trama in breve:
Geralt di Rivia, un cacciatore di mostri mutante, viaggia verso il suo destino in un mondo turbolento in cui le persone spesso si dimostrano più perverse delle bestie. (fonte Netflix)

Il mio commento:
"Dona un soldo al tuo witcher, oh valle abbondante...oh valle abbondanteeee..."
Inutile dirlo, ma questo motivetto ideato dal bardo Ranuncolo per omaggiare Geralt di Rivia mi è proprio entrato in testa. E, da quel che ho visto su youtube, pure molti altri ne son rimasti contagiati tanto che se ne trovano varie versioni, in lingue diverse e con arrangiamenti più o meno metal.
Comunque sia, fortunatamente non è solo questo aspetto musicale ad avermi catturato ma un po' tutta la serie, con i suoi toni cupi, tragici, quasi rassegnati e ben rappresentati dal protagonista Geralt di Rivia,  impersonato da Superman Henry Cavill.
Non siamo di fronte a una serie come GoT, almeno secondo la mia opinione: l'ambientazione è meno "storica" e più fantasy, con tanto di mostroni, magie e dinamiche tipiche da storie alla D&D. 
La narrazione parte un po' lentamente, con un ritmo non troppo spedito e lasciando tanti aspetti in sospeso, non troppo chiariti: abbiamo un cavaliere solitario, un regno minacciato, una ragazza deforme e disadattata, maghi, mostri...pian piano i vari personaggi vengono esplorati e approfonditi, così come anche l'ambientazione e la conoscenza delle dinamiche che la governano. Probabilmente come avveniva nell'omonimo videogame della CD Projekt RED e pubblicato da Atari.
A mio avviso, si convive per un po' con un senso di spaesamento e confusione visto che gli episodi proposti non avvengono tutti nel medesimo periodo: infatti, sia il nostro witcher che la maga Yennefer di Vengerberg godono di una discreta longevità poiché il loro invecchiamento è rallentato a causa di mutazioni e/o effetti della magia. Da quel che ho capito, comunque, anche nei racconti e nei romandi di Andrzej Sapkowski lo sviluppo della trama presenta il medesimo "problema", per cui ci vuol pazienza e un po' di elasticità nel collegare gli eventi o nel comprendere certe dinamiche (ad esempio la legge della sorpresa)
Rispetto a una serie come GoT, basandosi sulle ambientazioni e sulle comparse, si percepisce una minor disponibilità di risorse economiche, probabilmente dovuta sia al tipo di produzione, statunitense-polacca (tra l'altro, una serie polacca sul medesimo soggetto era già stata fatta nel 2002, ossia Wiedźmin), e condizionata dalle spese per gli effetti speciali per rappresentare i mostroni con cui il nostro strigo (witcher) se la deve vedere ma, al contempo, il risultato complessivo è più che discreto con episodi ben realizzati e bilanciati. Pure le battaglie risultano godibili e comprensibili (alla faccia del dannatissimo episodio 3 dell'ottava stagione di GoT dove non si capisce una benamata fava!) e rese spettacolari da un'ottima fotografia e dall'uso di magie discretamente appariscenti e devastanti. Certo, violenza e truculenza non vengono lesinate, ma considerando che si tratta di una serie vietata ai minori di 14 anni e contestualizzata in un mondo brutale e crudele, ecco, ci sta.





Tra gli aspetti che più mi hanno convinto c'è l'ambientazione e l'atmosfera creata: si respira una certa tragicità e pesantezza, come se non ci fosse speranza o sole, ma solo fatica, delusione, sacrificio. 

martedì 31 dicembre 2019

Black Mirror (Quarta Stagione)


Titolo: Black Mirror (quarta stagione)
Episodi: 6
Anno: 2017
Genere: fantascienza

La trama in breve:
Anche in questa stagione, Black Mirror propone alcuni episodi slegati l'uno dall'altro ma incentrati sulla tecnologia e sugli impatti sociali, politici, etici, insomma sugli effetti collaterali ed esasperazioni connesse ad essa.
Gli episodi della quarta stagione sono 6:
  • USS Callister
  • Arkangel
  • Crocodile
  • Hang the DJ
  • Metalhead
  • Black Museum

Il mio commento:
In realtà ho concluso la visione di questa quarta stagione qualche settimana fa ma tra una cosa e l'altra ho tergiversato. In fondo, avrei potuto dedicare questo post anche ad altri argomenti o ad altri film o serie tv (ad esempio La casa di Carta) ma ho pensato che tutto sommato qualche parola su Black Mirror valga la pena spenderle. Come già accennato in altri post, si tratta di una serie molto intelligente, che fa riflettere o comunque che cerca di scuotere un po' la coscienza dello spettatore su dinamiche tecnologiche e mediatiche già in corso.
Rispetto alle precedenti questa quarta stagione l'ho trovata meno memorabile e meno originale, anche se è andata migliorando verso la fine.
Il primo episodio strizza l'occhio ai fan di Star Trek e agli appassionati (maniaci?) di videogame e a come possano trovare nella realtà virtuale un surrogato della vita vera, una realizzazione che altrimenti non vivrebbero. Certo, il tutto raccontato in modo fantascientifico, con tanto di clonazione "virtuale" delle persone, fenomeno cui pian piano ci stiamo abituando se pensiamo ai vari avatar o comunque alle presenze ricostruite al pc all'interno di film. Tuttavia, considerando storie come quelle narrate in Matrix o Tron o quelle di altre produzioni in cui reale e virtuale si mescolano, USS Callister non introduce chissà quali riflessioni se non esasperazioni di quelle che possono essere dinamiche legate alla clonazione e alla virtualizzazione.
Anche la storia vista in Arkangel non mi si è impressa più di tanto, giocata attorno al controllo remoto e al limite della privacy, in questo caso nella gestione familiare. Dinamiche attuali, dettate dall'esigenza di tutelare e proteggere, o comunque dalla paura di perdere un proprio consanguineo, comprensibili e giustificabili per carità, ma che tutto sommato già erano state esplorate, più o meno direttamente, anche in altri episodi della serie. Qui si va un po' oltre, in quanto la volontà di protezione e controllo sulla propria figlia, spinge una madre a condizionarla, a privarla di esperienze, a manipolarne le percezioni del mondo circostante di fato togliendole la possibilità di crescere appieno. 
Tematica del controllo e dell'accesso a memoria e i ricordi dell'individuo che torna pure in Crocodile, dove le esperienze personali sono estraibili ed esaminabili, un po' come accade con le scatole nere degli aerei. Dinamica utile per accertamenti vari ed eventuali ma che getta profonde riflessioni su quelli che sono i limiti della privacy. Interessante comunque, in questo episodio, il contrasto che si crea tra interiorità ed esteriorità dell'individuo, nonché il gioco tra gli ampi spazi di location e paesaggi di contro alla sensazione di essere braccati e, inevitabilmente, senza scampo, come sperimenta la protagonista.


martedì 24 dicembre 2019

Star Wars: Episodio IX - The Rise of Skywalker

Titolo: Star Wars: Episodio IX - The Rise of Skywalker (L'ascesa di Skywalker)
Anno: 2019
Regia: J. J. Abrams
Genere: fantascienza
Cast: Carrie Fisher, Mark Hamill, Adam Driver, Daisy Ridley, John Boyega, Oscar Isaac, Domhnall Gleeson, Billy Dee Williams

La trama in breve:
La resistenza è ridotta a poche unità, il primo ordine dilaga sotto il comando del leader supremo Kylo Ren, ma un messaggio ha turbato la galassia. L'imperatore Palpatine giura vendetta! Ren si mette così alla ricerca dell'origine della trasmissione e arriva a confrontarsi con Palpatine, che gli offre una spaventosa flotta se saprà eliminare la ragazza Jedi, Rey. Questa combatte e si addestra seguendo gli insegnamenti del generale Organa, mentre Finn, Poe e Chewbacca ricevono messaggi da una spia nel Primo Ordine. (fonte mymovies)


Il mio commento (attenzione spoiler!!!)
Dopo la visione di questo ennesimo, forse l'ultimo (se...), capitolo della saga, ho iniziato a comprendere meglio le ragioni per cui si generano culti malvagi come quello dei Sith. 
Ancora una volta l'esperienza cinematografica si è rivelata una sorta di presa per i fondelli, con un film che gioca sulle aspettative di fans che seguono con passione una saga iniziata nel 1977, gente che inevitabilmente sarebbe andata a vedere questo episodio IX - pagando - ma ricevendo in cambio solo degli sberleffi. 
Innegabile che quest'ennesima fatica targata Disney sia coinvolgente, dinamica, ricca di azione e di situazioni; non si può nemmeno negare che non sia ben realizzato dal punto di vista di effetti speciali, fotografia, regia. 
Però, porca la pupazza, quanto a trama e narrazione fa davvero incavolare. 
E non mi interessa leggere in giro che comunque le aspettative erano troppo alte, che il progetto filmico è stato riveduto causa cambiamento di regia in corso d'opera oppure morte di Carrie Fisher.  Nessun dittatore mi sembra abbia minacciato olocausti nucleari se anche il film fosse uscito 2 mesi dopo ma senza tutte le cagate che ci sono o quanto meno provando a coprire quei due-tremila buchi di trama che ci sono. 
Che poi, voglio dire, qualcuno di sano di mente l'avrà pure visto questo film prima che venisse proiettato worldwide? No?
Per cui, ecco, più che una recensione-commento articolato e sensato - ne trovate a bizzeffe su siti e portali più seguiti di questo - mi concentro solo su alcune dinamiche e situazioni che ho trovato quanto meno discutibili.

Stormtrooper
Per prima cosa, abbiamo un vincitore: finalmente, dopo anni e anni, un soldato è riuscito a colpire qualcuno con un colpo di fulminatore!!!
In seconda battuta, grazie a questo film, son rimasto ancor più confuso circa l'origine di questi poveri scagnozzi, visto che oltre a Finn salta fuori pure un'altra combriccola di ammutinati. Io pensavo fossero una sorta di cloni, o comunque persone geneticamente modificate (vedasi l'episodio II), invece inizia a farsi strada il sospetto che siano tutti di colore e, come dire, poco fedeli alla propria causa...
Infine dove diamine hanno trovato l'equipaggio (e le risorse) per costruire la mega flotta del finale??? E senza che nessuno se ne accorgesse, tra l'altro! 
Che poi, dopo averla realizzata, se ne son stati per anni nascosti nel mare? Ad aspettare cosa?

L'imperatore
Tadan! Palpatine (che nome!) è ancora vivo. 
Già. 
E di punto in bianco lo vengono a sapere tutti.
Come abbia fatto a sopravvivere, a trasferirsi su un pianeta sconosciuto, a manovrare (Kylo Ren, ad esempio) per anni senza che nessuno se ne avvedesse rimane un mistero. 
Così come rimangono confusi i suoi piani, vedasi su Rei: ammazzatela, portatemela viva, unisciti a me, mo ti ammazzo.
Mi pare poi che con i suoi cavolo di fulmini generati dalle mani abbia un po' esagerato, in questo film. O, meglio, se era così potente anche prima come mai non ha usato queste sue capacità per vincere anni prima?
Infine, quando e con chi ha figliato?
E poi, tutte quelle ombre che si esprimono come spartani del film 300 (au! au!) in quella mega grotta, sono tutti sith defunti? Quanti caspita ce ne sono stati? 

La Diade della Forza
Che Kylo Ren/Ben Solo e Rei Palpatine/Skywalker siano collegati, posso accettarlo. 
Che inizino a teletrasportare cose con la mente...difficile...ma vabbè, accettiamo pure questo. 
Però non sarebbe stato male se qualcuno avesse spiegato meglio sta storia della Diade della Forza.
Complimenti poi per le capacità sanatorie, ad averlo saputo prima visto gente con mani amputate o corpo artificialmente (mal) ricostruito delle saghe precedenti...ok che probabilmente il signor Vader si auto-teneva in vita con la Forza, però qua si parla di ferite mortali e/o resurrezione, per altro tecniche imparate in modo istantaneo e istintivo.

domenica 22 dicembre 2019

Blade Runner 2049

Titolo: Blade Runner 2049
Anno: 2017
Regia: Denis Villeneuve
Genere: fantascienza
Cast: Ryan Gosling, Harrison Ford, Ana de Armas, Sylvia Hoeks, Robin Wright, Dave Bautista, Jared Leto

La trama in breve:
L'agente K è un blade runner della polizia di Los Angeles, nell'anno 2049. Sono passati trent'anni da quando Deckart faceva il suo lavoro. I replicanti della Tyrell sono stati messi fuori legge, ma poi è arrivato Niander Wallace e ha convinto il mondo con nuovi "lavori in pelle": perfetti, senza limiti di longevità e soprattutto obbedienti. K è sulle tracce di un vecchio Nexus quando scopre qualcosa che potrebbe cambiare tutte le conoscenze finora acquisite sui replicanti, e dunque cambiare il mondo. (fonte mymovies)

Il mio commento:
Recuperato recentemente grazie a Netflix, visto in tre comode puntate e ora, dopo un paio di settimane, mi permetto di riportare un breve commento.
A suo tempo mi son visto Blade Runner, un paio di volte almeno (anche se a distanza di anni) e lo considero un'ottimo film. Anche se, con i ritmi cinematografici cui siamo abituati ora, diciamo che risulta un po' lentino come narrazione...  
Di Philip K. Dick, l'anno scorso, avevo letto un libro contenente una serie di racconti suoi - tutti testi da cui son stati tratti film -, che nella parte finale riportava un'intervista in merito all'imminente uscita di Blade Runner (quello del 1982) ispirato al suo romanzo Il cacciatore di androidi (Do Androids Dream of Electric Sheep?). Da quel che avevo capito c'erano un bel po' di differenze tra testo e trasposizione e lo stesso autore era perplesso...in ogni caso l'opera di Ridley Scott si è imposta come opera cult nel campo sci-fi e nessuno c'ha da obiettare in merito.
L'idea quindi di un seguito mi aveva lasciato perplesso all'epoca dell'uscita del film e timoroso prima di iniziarne la visione. Sinceramente credo che invece ne sia uscito un bel prodotto, abbastanza in linea con quello dell'82 sia per ritmo narrativo che per tematiche che per suggestioni che riesce a produrre nello spettatore, in termini visivi e di contenuti. 
Dal punto di vista dell'ambientazione, degli effetti speciali e della fotografia, l'opera di Villeneuve risulta molto efficace, maestosa, molto d'impatto. Ci sono delle sequenze magistrali e completamente spiazzanti, come il combattimento tra K e Deckard in una sorta di teatro/locale avvolto dall'oscurità alternata a sprazzi di ologrammi guasti, oppure il laboratorio in cui vengono creati i ricordi per i replicanti o, infine, la "resa dei conti" nella sequenza nel finale. Ma nel complesso è difficile non rimanere affascinati da quanto proposto, da contrasti tra spazi aperti e spazi chiusi, dal rapporto tra individuo e spazio circostante.




Si avverte una certa stanchezza, una tragicità pesante che sollecita i sensi e chiama in causa le emozioni dello spettatore che, di conseguenza, si fa attento e bisognoso a trovare un senso a ciò che sta guardando. Una sensazione amplificata anche dai vari silenzi o dalle situazioni a sviluppo lento che vengono proposte (vedasi l'avvicinamento di K al luogo in cui si è rifugiato Harrison "Deckard" Ford).
Intense e brutali anche le varie sequenze di lotta, che prevedono esecuzioni sommarie oppure combattimenti tesi, senza speranza, senza coreografie alla Matrix, senza dialoghi, ma solo con l'intenzione di difendersi o di uccidere quasi senza nemmeno provare empatia o emozioni al riguardo. 

giovedì 28 novembre 2019

Il trono di spade (Le cronache del ghiaccio e del fuoco - Vol. 5)

Titolo: Il trono di spade (Le cronache del ghiaccio e del fuoco - Vol. 5)
Autore: George R. R. Martin
Editore: Mondadori
Genere: fantasy
Pagine: 1164


La trama in breve:
La "vittoria" del leone dei Lannister ha lasciato un'interminabile scia di sangue: sepolto l'infame lord Tywin, assassinato dal proprio figlio nano, finita in catene la regina Cersei, seduto il piccolo re Tommen su un trono di lame pronte a ucciderlo, il destino dell'intero continente occidentale è di nuovo in bilico. Sulla remota Barriera di ghiaccio il temerario Jon Snow è costretto a consolidare con le armi il suo rango di lord comandante dei guardiani della notte mentre, al di là del Mare Stretto, Daenerys Targaryen, l'intrepida Regina dei Draghi, continua a difendere il proprio dominio contro orde di nemici antichi e nuovi. In fuga verso le città libere, il parricida Tyrion Lannister potrebbe essere la chiave di volta della restaurazione della mai realmente estinta dinastia del Drago. Tutto questo però potrebbe rivelarsi disperatamente inutile. Perché ora, veramente... l'inverno sta arrivando. (fonte Amazon)


Il mio commento:
Ho recentemente concluso l'ennesimo tomo della saga di George Martin: pensavo di averci impiegato millenni e invece, dai, tutto sommato me la sono cavata in circa 5 mesi. Diciamo che l'autore non si risparmia, si vede che gli piace raccontare e ampliare l'ambientazione da lui creata, approfondendo situazioni e personaggi. E' un ottimo narratore, a mio avviso, non monotono, non banale ma nemmeno leggerissimo e conciso. Come per altro già accennato nei commenti agli altri suoi libri, dal punto di vista dello stile e della capacità, lo considero parecchio valido come autore, bravo nel dosare i colpi di scena e nel mostrare al lettore ciò che è descritto nelle pagine del libro.
Rispetto ai precedenti ho comunque avuto l'impressione di aver fatto più fatica e, in alcuni punti, speravo si spicciasse di più perché, ecco, mi pareva stesse divagando un po' troppo aggiungendo particolari poco influenti e, al contempo, tralasciando parti che magari potevano interessare maggiormente. 
Indubbiamente quando descritto e proposto fa parte di un piano ben orchestrato, per di più, considerando il numero di personaggi, è necessario dare spazio e rilievo alle varie sotto trame, tuttavia resto dell'idea che su alcune faccende si poteva glissare mentre su altre sarebbe stato bello saperne di più (che fine ha fatto Daario? E lady Stoneheart? E Ditocorto? Sam?). 
La narrazione affidata al punto di vista dei singoli personaggi funziona abbastanza bene anche in questo libro ed è anche un buon escamotage per far incontrare a loro insaputa certi personaggi o per lasciarne altri "ai margini" dei giochi. Vedasi il caro buon lord Varys, assente per gran parte del tomo ma che mi spunta giusto nell'epilogo, con un discreto colpo di scena, per incanalare la storia verso mete a lui più congeniali...certo certo, in virtù di un bene superiore...
Non escludo poi un certo condizionamento dovuto alla visione della serie tratta dal ciclo di romanzi, la cui narrazione procede ben oltre quanto narrato in questo quinto volume. Vero è che, rispetto ai precedenti romanzi, qui si notano di più le differenze e gli elementi mancanti dovuti all'eliminazione di certi personaggi e passaggi narrativi. 
Per dire, Tyrion mica è arrivato in due minuti, tutto sereno e pulito, alla corte di Daenerys: tutt'altro! Anzi, manco si son ancora incontrati...e ne ha passate di ogni, povero!
Jon Snow invece si conferma un personaggio tosto, saggio, lungimirante ed esperto, capace di prendere decisioni difficili e in contro-tendenza. Non riesco a sovrapporci l'immagine di Kit Harington, ecco, ma nemmeno lo reputo quel giovincello che invece nel romanzo dovrebbe essere. 
Pure tutto il recupero dei bruti avviene in maniera molto più articolata e complessa, anche a causa delle avverse condizioni meteo dovute all'inverno che ormai incombe.

sabato 16 novembre 2019

Black Mirror: Bandersnatch


Titolo: Black Mirror: Bandersnatch
Anno: 2018
Regia: David Slade
Genere: fantascienza
Cast: Fionn Whitehead, Will Poulter, Craig Parkinson, Asim Chaudhry, Alice Lowe

La trama in breve:
Black Mirror: Bandersnatch, noto anche come Bandersnatch, è un film interattivo pubblicato su Netflix il 28 dicembre 2018, pensato come parte del franchise di Black Mirror. È stato scritto da Charlie Brooker e diretto da David Slade.
In Bandersnatch, è lo spettatore che prende le decisioni per il protagonista, un giovane programmatore interpretato da Fionn Whitehead, che nel 1984 crea un videogioco basato su un romanzo interattivo.  (fonte wikipedia)

Il mio commento:
Anni addietro, uscì al cinema un certo film targato James Cameron. Rimase nelle sale mesi, con l'obbiettivo di creare una piccola rivoluzione, ossia riportare in auge (per l'ennesima volta) il 3d e pompare sulla realizzazione di film con poderosi effetti speciali, addirittura sostituendo gli attori reali con loro rappresentazioni virtuali. Alla fine della fiera però, il 3d non è che sia stata poi sta gran rivoluzione e, sinceramente, non mi pare che il mondo abbia abbandonato il 2d...anzi...
Ordunque, Bandersnatch, anche se fosse stato realizzato da Cameron e pompato in modo analogo per proporsi come una nuova via cinematografica non penso avrebbe tenuto banco se non per qualche giorno. A parte che vedere un film interattivo al cinema diventa un bel casino, credo che l'idea di portare lo spettatore ad avere un ruolo "attivo" durante la visione di un film (che, per quanto avvincente sia, risulta un'esperienza passiva) non sarebbe stata metabolizzata da tutti allo stesso modo. Anche a leggere certi commenti su internet, mi ero fatto un'idea differente di questo film, una sorta di esperimento/esperienza tutto sommato sacrificabile.
Però l'ho guardato lo stesso, con i miei tempi certo, e ora sto qui a parlarne.
Per quanto mi riguarda, lo promuovo a pieni voti! Mi è piaciuto assai e vi consiglio di recuperarlo e vedervelo, soprattutto se siete amanti della fantascienza e della serie Black Mirror cui, in qualche modo, si ricollega.



Probabilmente la storia non è così lunga (?) o articolata (?) come magari qualcuno può aspettarsi, magari è un po' cupa e un po' da nerd...ma per come la vedo io, Bandersnatch rappresenta una discreta genialata decisamente interessante e sui generis. 

lunedì 28 ottobre 2019

Undone

Titolo: Undone
Episodi: 8
Anno: 2019
Genere: drammatico

La trama in breve:
Alma Winograd-Diaz (interpretata da Rosa Salazar, vista in Alita: Battle Angel) vive una vita tranquilla fino a quando un incidente quasi fatale le provoca visioni del suo defunto padre, Jacob (che ha le sembianze di Bob Odenkirk, protagonista di Better Call Saul). Attraverso queste persistenti visioni il padre le fa scoprire un’abilità misteriosa che le consente di viaggiare nello spazio e nel tempo con la speranza di evitare la sua morte prematura. Questa situazione mette a dura prova le relazioni di Alma e le persone a lei più vicine cominciano a mettere in discussione il suo equilibrio mentale. (fonte tvserial.it)

Il mio commento:
Probabilmente il nome di questa serie non dirà molto ai più e, a dirla tutta, senza un articolo letto qualche tempo addietro su Il Post credo saremmo rimasti nell'ignoranza pure noi :-)
Realizzata con la tecnica del rotoscope e composta da 8 episodi di breve durata, Undone si è rivelata una bella esperienza visiva e narrativa, articolata e non banale. Non porta sullo schermo una storia lineare bensì lascia allo spettatore seguire il flusso e trarre le proprie conclusione, etichettando il viaggio e la storia di Alma come demenza o schizofrenia oppure come un'effettiva dimostrazione di potere arcano che le consente di viaggiare nello spazio-tempo. Un desiderio, più che un reale potere acquisito, che ciascuno di noi sotto sotto sperimenta: avere una seconda occasione, poter annullare un evento, poter scoprire particolari e risvolti su chi non è più con noi...sono tutte spinte umane e comprensibilissime. E che diventano ancor più toccanti quando si configurano come il salvagente a cui aggrapparsi in un presente che non va esattamente nella direzione che vorremmo. Anche per colpa nostra, come dimostra la stessa Alma con il suo comportamento sfrontato e provocatorio, decisamente fuori dagli schemi. 



Quello interpretato da Rosa Salazar è un personaggio imperfetto, fragile, dannatamente umano, con cui si familiarizza subito, prendendolo in simpatia. Magari non riusciremo a comprenderla fino in fondo, magari un po' la detesteremo, però di certo non resteremo indifferenti al suo agire, al suo tentare di trovare risposte e un senso a ciò che le è accaduto e le sta accadendo. 
Attorno a lei, al suo vagare tra presente e altri tempi - viaggio reale o immaginario a seconda di come vogliamo inquadrare la situazione - si muovono altri personaggi, pochi in realtà, ma in numero sufficiente a proporci altri punti di vista e spunti su come inquadrare la storia proposta. Attraverso la sorella Becca, la madre Camila e il fidanzato Sam lo spettatore resta ancorato alla realtà e ha modo di sperimentare le difficoltà di chi vive accanto a una persona "disturbata", una mina vagante completamente presa dalla propria "missione" che non considera i danni collaterali che può arrecare alla vita dei suoi cari. Analogamente a loro, anche lo spettatore finirà per porsi domande su "come avrebbe affrontato la situazione", su quanta fiducia avrebbe concesso o su quanta pazienza e forza avrebbe saputo generare se capitasse a lui di gestire una persona come Alma.

domenica 20 ottobre 2019

Stranger Things 3

Titolo: Stranger Things - stagione 3
Episodi: 8
Anno: 2019
Genere: fantascienza

La trama in breve:
E’ il 1985 a Hawkins. Sono passati ben due anni dalla misteriosa serie di eventi che sconvolsero la tranquilla cittadina nel novembre del 1983 (stagione 1) e che, come tutti sappiamo, portò alla temporanea scomparsa di Will ( Noah Schnapp) e all’arriva di un bizzarra ragazzina dai poteri telecinetici, soprannominata “Undici” (Millie Bobby Brown) . Come se ciò non fosse già sufficiente, un temibile mostro carnivoro, battezzato dagli stessi ragazzi come “Demogorgone”, in onore del loro onnipresente gioco Dungeons&Dragons, minaccia la sicurezza di tutta la cittadina.  Nonostante i poteri di Undici lo avessero sconfitto sia nella prima stagione, che nella seconda, la sua oscura e famelica presenza torna a tormentare il destino di Hawkins. Infatti una segretissima serie di esperimenti sovietici, condotti nel sottosuolo del nuovo e moderno centro commerciale di Hawkins, lo “Starcourt”, sta infatti provando a riaprire quella porta dimensionale che Undici e la sua squadra avevano chiuso nelle stagioni precedenti per intrappolare il “ Mind Flayer” . L’apertura del varco ha infatti permesso alla creatura di riprendersi dal pesante colpo inflittogli precedentemente, nascosta ora nell’ombra di un’acciaieria abbandonata è in cerca di nutrimento e i suoi bocconcini prediletti sono niente meno che gli abitanti stessi della piccola Hawkins. (fonte ecodelcinema)

Il mio commento (attenzione spoiler!!!):
Seppur con i miei tempi, son riuscito a recuperare e a vedere la terza stagione di Stranger Things. Decisamente incalzante e appassionante, anche questa carrellata di episodi propone una buona esperienza visiva e tiene lo spettatore incollato allo schermo. Consensi mi par di aver capito che ne ha ottenuti parecchi, anche in termini di numeri di visualizzazioni, e nel complesso pure io mi ritengo relativamente soddisfatto della visione anche se, ovviamente, nulla viene risolto in maniera definitiva e si rimanda a una futura quarta stagione. 
Già perché se da un lato ci sono misteri e situazioni che vengono risolte, dall'altro ci sono aspetti che volutamente restano in sospeso o quanto meno da chiarire. Dopotutto, la serie gioca molto sul discorso del "cambiamento" e della crescita, di pari passo a quella fisica e non che stanno sperimentando i piccoli protagonisti della serie e che permette agli sceneggiatori di creare simpatie e contrasti oppure di introdurre anche tematiche varie (rapporto genitori-figli, prime cotte, sessualità...)
Tutto viene vissuto un po' in velocità, per carità, ma tutto sommato in modo abbastanza efficace -considerando che si tratta di vicissitudini in cui gli adulti si ritrovano piuttosto facilmente, avendo già vissuto l'adolescenza - e senza togliere troppo tempo allo sviluppo degli eventi, quanto meno dalla terza puntata in avanti. 
L'intenzione di spiegare o chiarire tutto non c'è, ed è palese: in effetti, sarebbero da chiarire un po' di "cosucce" viste anche in questa stagione e che, tra l'emotività e la concitazione del momento, restano irrisolti o non spiegati oppure vengono risolti con tempestività disarmante. 

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...