martedì 19 maggio 2015

The Giver - Il mondo di Jonas

Titolo: The Giver - Il mondo di Jonas
Titolo originale: The Giver 
Regia: Phillip Noyce
Anno: 2014
Genere: distopia, fantascienza
Cast: Meryl Streep, Jeff Bridges, Brenton Thwaites, Alexander Skarsgård, Katie Holmes, Odeya Rush, Cameron Monaghan, Taylor Swift, Emma Tremblay

La trama in breve:
Da qualche parte nel tempo e nel mondo esiste una società che ha scelto come valore l'uniformità. Immemori di sé e della loro storia, uomini, donne e bambini vivono una realtà senza colori, senza sogni, senza emozioni, senza intenzioni. Per loro decide un consiglio di anziani, riunito periodicamente a sancire i passaggi evolutivi dei membri della comunità. 
Durante la Cerimonia dei 12, che accompagna solennemente gli adolescenti verso la vita adulta affidando loro il mestiere che meglio ne identifica le inclinazioni, Jonas viene destinato ad 'accogliere le memorie' di una storia che non ha mai conosciuto. Figlio di madri biologiche preposte allo scopo e assegnato successivamente all'unità famigliare che ne ha fatto richiesta, Jonas è un adolescente eccezionale con un dono speciale, quello di sentire. Preposto al ruolo di accoglitore di Memorie, Jonas è affidato a un donatore, un uomo anziano e solo che porta dentro di sé tutta la bellezza e la tragedia dell'umanità. Tutte quelle emozioni negate alla sua gente perché il mondo resti un luogo di pace e torpore. Intuita la sensibilità del ragazzo, il donatore lo condurrà per mano dentro la vita, spalancandogli la strada che conduce al libero arbitrio. (fonte mymovies)


Il mio commento:
Quando ho terminato la lettura di The Giver di Lois Lowry, e si parla di più di qualche tempo fa, ricordo di aver effettuato qualche ricerca e di essermi imbattuto in alcune indiscrezioni relative alla possibilità di trarne un film. A suo tempo si parlava di un interessamento da parte di Dustin Hoffman ... ma evidentemente, nel tempo, qualcosa è cambiato sebbene il cast presente in questa produzione statunitense non sia affatto banale (vedasi Meryl Streep, anche se qui non offre un'interpretazione impareggiabile).
Tutto sommato trovarmi Jeff Bridges nei panni del donatore di memorie non è stato affatto un trauma, anzi, credo se la sia cavata egregiamente nonostante il poco tempo a disposizione e il veloce passaggio da burbero e arcigno vecchiaccio a guru eclettico in cerca di ribellione (e a tal proposito, l’esperienza come nei panni del signor Lebowsky ha giocato a suo favore rispetto agli altri attori presentatisi al casting).
Il film infatti, pur cercando di rappresentare fedelmente quanto descritto nel libro da cui è tratto, seppur con varie e immotivate libertà (vedasi la scoperta del rosso, non da una mela ma dai colori dei capelli di Fiona; il colore degli occhi di Jonas, che dovrebbero essere azzurri, e di Fiona, che NON dovrebbero essere azzurri; il lavoro di Asher, militare anziché capo ricreazione…e vogliamo parlare dei 6 anni in più di Jonas che da dodicenne si ritrova adolescente con malcelate pulsioni da controllare...), mi ha dato l’impressione di essere troppo veloce, di scorrere via con urgenza finendo per risultare poco convincente e poco incisivo nel trasmettere tutto ciò che l’esperienza di Jonas sottintende. Superficiale, insomma, seppure riesca lo stesso a trasmettere tragicità e poesia per mezzo delle immagini e della "riscoperta" di ciò che l'umanità descritta nella società distopica di The giver ha volutamente soffocato e perduta.
Ecco quindi che la consapevolezza di inganni e di condizionamenti subiti (accettati?) per anni, così come la presa di conoscenza dell’esercizio di discutibili soluzioni come l’eutanasia, l'azzeramento delle diversità e la castrazione emotiva, scivolano con un po’ troppa facilità finendo per veicolare solo in parte quei messaggi che magari sarebbe stato importante curare. Idem per il modo in cui gli stessi personaggi accettano, rapidamente, di ribellarsi al sistema, dando l’impressione di una distopia poco solida e consolidata, dove anzi la ribellione era praticamente imminente e scontata, non di certo un trauma da vivere sulla propria pelle.
Probabilmente però le esigenze di mercato e di produzione sono state determinanti, così come nella scelta del finale “praticamente risolutivo” quando invece, se non ricordo male, nel romanzo la storia si concludeva in modo più nebuloso e aperto. D’altronde, se il finale deve ammiccare alla speranza e a rassicurare le masse… 
In effetti, la fuga di Jonas con Gabriel
è un po' difficile da digerire,
considerando la tenera età del secondo...
però era così anche nel libro
Nel complesso comunque questo The Giver a mio avviso si merita la sufficienza, ma non molto di più: funziona abbastanza, sia in termini di cast che di intreccio che di resa grafica. Indubbiamente meritava uno sviluppo più lento e maturo, per lasciar ambientare di più lo spettatore e far percepire anche la difficoltà del cambiamento e il dramma che Jonas si trova a vivere alle prese con la scoperta di un mondo “nuovo”, più autentico e umano, annichilito dall’esigenza di un Equilibrio omogeneo e superiore a tutto, lanciando al contempo spunti di riflessione allo spettatore per capire quanta indifferenza o quanto dolore suscitino certe soluzioni. Siano queste l’eutanasia o la somministrazione di farmaci oppure il concetto di famiglia, di condivisione, di libertà, di responsabilità verso l'educazione con cui plasmare le nuove generazioni. 
Tutte tematiche che, senza ombra di dubbio, il libro enfatizzava o comunque curava molto di più. Come accade nel 99% delle trasposizioni cinematografiche, d'altronde :-(




Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...