sabato 22 novembre 2014

X-Men: Giorni di un futuro passato

Titolo: X-Men: Giorni di un futuro passato
Regia: Bryan Singer
Anno: 2014
Genere: azione, supereroi
Cast: Hugh Jackman, James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Halle Berry, Nicholas Hoult, Ellen Page, Peter Dinklage, Shawn Ashmore, Omar Sy, Evan Peters, Daniel Cudmore, Fan Bingbing, Adan Canto, BooBoo Stewart, Ian McKellen, Patrick Stewart, Josh Helman, Evan Jonigkeit, Lucas Till 

Il mio commento:
Non è mai facile realizzare una pellicola cinematografica ispirandosi a un fumetto oppure a un romanzo. Ancora meno facile è farlo rispettando le scelte narrative o la trama o la caratterizzazione dei personaggi. E, ancora di più, garantire a coloro che già hanno letto suddetto romanzo o fumetto un'esperienza visiva priva di traumi.
Analogamente, non è banale gestire storie che trattano di viaggi nel tempo e modifiche al continuum spazio temporale. Si rischia di incorrere in incongruenze o di dover ricorrere a forzature per garantire equilibrio e coerenza alla narrazione.
Per concludere, anche garantire coerenza e senso alla trama di un film non è un affare scontato, colpa del montaggio, colpa di vicissitudini legate a mere questioni di produzione e accordi commerciali, colpa di scneggiatori ubriachi o quel che volete....fatto sta che non è garantito mai nulla.
Ordunque, con queste premesse e dopo la visione di  X-Men: Giorni di un futuro passato posso affermare senza ombra di dubbio che l'opera di Bryan Singer, sceneggiata da Simon Kinberg, è una discreta cagata.
Possibile che ogni volta che finisco di guardare un film sui miei cari e adorati X-Men l'unica sensazione con la quale mi trovo a convivere è un irrefrenabile impulso alla jihad???
Ma andiamo con ordine.
"Ascoltami Logan, io non ho il potere
di spedire la tua mente indietro nel tempo"
"Lo so, piccola"
"Però loro non ci credono..."
"Vecchi rimbambiti..."
"Per cui, questo è il piano. Io tengo i led
accesi nei palmi delle mani e tu fai finta
di sognare e di salvarci tutti"
"Affare fatto!"
Partiamo dalla trama del fumetto di Chris Claremont e John Byrne:

Nel 2013, poche ore prima che le Sentinelle si spostino dal nord America invadendo e prendendo il controllo del resto del mondo e che le altre potenze sferrino un attacco nucleare, Kitty Pryde s'incontra con Wolverine, fra le rovine di uno dei tanti edifici di New York City, che le consegna l'ultimo componente di un macchinario in grado di annullare l'effetto inibitore dei collari che lei e gli ultimi X-Men rimasti in vita sono costretti ad indossare dopo che le Sentinelle hanno preso il controllo degli Stati Uniti e rinchiuso i mutanti superstiti ai loro massacri in campi di concentramento. All'interno di uno di essi si riunisce col marito Colosso ed i compagni Tempesta, Franklin, Magneto e Rachel e dà loro il suo addio prima di affidarsi nelle mani di quest'ultima che spedisce la sua mente indietro nel tempo scambiandola con quella della sua controparte adolescente nel 1980. Kate si risveglia quindi nel presente dove avverte gli X-Men Tempesta, Angelo, Nightcrawler, Colosso e Wolverine del pericolo che corre il candidato alla presidenza Robert Kelly la cui morte per mano della Confraternita dei mutanti scatenerà l'isteria contro l'Homo superior; benché titubanti, gli altri accettano di portarla a Washington D.C. dove Xavier e Moira MacTaggert sono presenti alla discussione sul problema dei mutanti che Kelly tiene al senato (da wikipedia).
E si conclude con il ritorno di Kitty Pryde nel futuro dove, assieme agli altri, si domanda se il salvataggio del senatore Kelly abbia davvero determinato un cambiamento.
Per cui, ecco, pare che la linea temporale in cui si svolgono gli eventi sia compromessa ma che forse si siano gettati i presupposti per un futuro più radioso quanto meno per un'altra dimensione.

Fanservice per il pubblico femminile
o imprescindibile necessità di trama?
Veniamo invece alla trama partorita dai dementi scelti e profumatamente pagati per realizzare il film:
Nel 2023, robot senzienti conosciuti come sentinelle stanno sterminando i mutanti e gli esseri umani che possono generarli o che sono intervenuti in loro favore (le scene iniziali lasciano intravedere un futuro distopico in cui sono ormai calpestati tutti i diritti umani). A Mosca un piccolo gruppo di X-Men (tra cui Bobby Drake / Uomo Ghiaccio, Piotr "Peter" Rasputin / Colosso, Lucas Bishop / Alfiere, James Proudstar / Warpath, Roberto Da Costa/ Sunspot, Clarice Ferguson / Blink e Kitty Pryde) riesce a eludere le sentinelle grazie ai poteri di Kitty Pryde, che ha la capacità di proiettare la coscienza di una persona indietro nel tempo: utilizzando questo potere, la ragazza manda la coscienza di Alfiere indietro nel tempo per informare il proprio gruppo sui pericoli imminenti, così da poter scappare prima ancora che i problemi insorgano.

Visto che ormai la guerra sta per concludersi, lasciando i mutanti sconfitti di fronte all'enorme potere delle sentinelle (capaci di adattarsi a tutto e quindi in grado di contrastare ogni abilità mutante), Magneto e il Professor X preparano un piano: incontrare, in un vecchio monastero sulle montagne cinesi, il gruppo di mutanti superstiti di Kitty Pryde e utilizzare il suo potere per inviare la coscienza di Wolverine, l'unico in grado di rigenerare la propria mente dopo un viaggio mentale tanto lungo, indietro nel tempo così da impedire l’uccisione dello scienziato Bolivar Trask da parte di Mystica nel 1973, durante la negoziazione di Parigi per il disarmo delle truppe nel Vietnam. Questo fu l'evento scatenante che ha permesso l'avverarsi del futuro apocalittico del film, in quanto Mystica venne in seguito catturata da William Stryker ed il suo sangue utilizzato per perfezionare e potenziare le Sentinelle del futuro dando loro la possibilità di mutare continuamente il loro corpo in modo da poter affrontare di volta in volta i poteri dei vari mutanti.
Si notano già delle piccole ma geniali variazioni. Al di là dell'anno e del luogo modificati, il gruppo del futuro è diverso da quello del fumetto. 
"E' stupefacente: grazie ai geni dei mutanti
finalmente potrò crescere e raggiungere
una statura normale..."
"Come dice, professore?"
"Dicevo...ahem...che bei cromosomi.."
Per quale motivo? Dannazione, ditemi perchè? 
Questioni di marketing, scommesse, sceneggiatori ubriachi, ricatti...chi può saperlo.
E che dire dei rapporti interpersonali falsati? In fondo, Colosso e Shadowcat dovrebbero essere sposati o innamorati o partner...invece manco si guardano.
Sarebbe stato bello poi sentire un intervento del regista sulla questione di Rachel Summers: visto che nella terrificante trilogia cinematografica partorita dalla Twentieth Century Fox sia Scott Summers che Jean Grey sono morti, da dove è sbucata?
Amen, soprassediamo.
Scopriamo poi che Kitty Pryde possiede "la capacità di proiettare la coscienza di una persona indietro nel tempo"....COOOOSA??? 
Ma stiamo scherzando? 
E sì che il personaggio, impersonato dalla medesima attrice, compariva anche nello scandaloso X-Men: Conflitto finale (2003) girato da Brett Ratner. Evidentemente Singer non l'ha mai guardato... ma non ha manco letto una pagina dei fumetti della serie, se è per quello.
E' un po' come se nell'adattamento del Signore degli Anelli, gli hobbit fossero alti 7 metri anziché 1 metro neanche. Che differenza fa? Ah, ed emettono pure raggi laser da quei loro piedi pelosi.
Sembra comunque che spostare la coscienza indietro nel tempo sia nocivo, motivo per cui viene scelto Wolverine per viaggiare a ritroso fino al 1973. Ordunque, se questo processo è dannoso, qualcuno ha almeno avvisato Alfiere della cosa? Visto che continuamente viene spedito indietro di qualche giorno per avvisare gli altri sui pericoli imminenti...che poi, non è che hanno scelto lui perché è nero? Spero di no..
Fatto sta che convincono Logan (d'altronde, perché inviare Alfiere, che il viaggiatore temporale per eccellenza?) avvisandolo che, a missione compiuta, sarà l'unico a ricordare gli eventi "reali", ovvero a conservare memoria del mondo devastato dalle Sentinelle. 
COOOOOSAAAA???
"Scansione retina in corso"
(Dannato sistema di riconoscimento...dove cavolo stai
puntando)
A mio avviso, le opzioni sono due: 

A) la linea temporale è unica e quindi i cambiamenti prodotti da Logan la alterano e, di conseguenza, non si verificheranno MAI gli eventi che lo porteranno a viaggiare nel tempo creando un paradosso assurdo; 

B) il cambiamento prodotto nel 1973 provocherà una diversa linea temporale, migliore o peggiore di quella attuale, ma diversa, e Logan tornerà semplicemente da dove è venuto.
A mente fredda, pare che lo staff composto da sceneggiatori, produttori, regista e addetti alle pulizie abbiano scelto la discutibile soluzione A.
Personalmente, già a questo punto ero intenzionato a stoppare tutto.
Però su imdb il film aveva un voto alto e mi son fatto coraggio.
Per cui sospiro e premo play.
Mentre i supereroi discutono e si organizzano per il viaggio temporale mi domando come facciano a sapere se la mente di Logan finirà esattamente nel 1973, nel corpo dello stesso Wolverine, e prima dell'uccisione del senatore Kelly, pardon, dello scienziato Trask.
Dopodiché mando giù anche il boccone amaro relativo all'inegnuità con cui Xavier e McCoy (che dovrebbero essere due persone colte, sagge, erudite...) credono alla baggianata di Logan: "Buongiorno. Sapete, vengo dal futuro...dobbiamo fermare Mystica...e no, non leggetemi nella mente per scoprire se dico il vero"
Al di là di questo dettaglio - tanto poi la lettura della mente avviene - il film un minimo di dignità lo acquista, con Xavier in vistosa crisi esistenziale (e questo mi è piaciuto, lo ammetto, una scelta narrativa interessante a mio avviso e ben resa dal bravo McAvoy), Mystica che più che una terrorista sembra una sorta di ribelle che lotta per salvare quanti più mutanti possibili da una fine atroce mentre Bolivar Trask porta avanti i suoi piani.
Del senatore Kelly, invece, manco l'ombra. 
Mah...
Poi cominciano le genialate: 
Logan: "Dobbiamo assolutamente trovare e liberare Magneto".
Xavier: "Perchè?"
L: "Perchè nel futuro sarete tu e lui a mandare qui me"
X: "Appunto: nel futuro. Ma adesso a me sta sugli zebedei. E per di più è un criminale."
L: "Si ma se non lo liberiamo ora..."
X: "Spiegami, cosa accadrà se non agiamo ora?"
L: "Non lo so"
X: "Ma non hai detto di provenire dal futuro, scusa? Dovresti sapere..."
L: "Certo, certo...ma ora andiamo a liberarlo dalla prigione segreta sotto al Pentagono..."
X: "E se andassimo solo a parlargli? Anzi no, mi  connetto telepaticamente con lui e ..."
L: "No, dobbiamo liberarlo"
X: "Ho il codino! Perché mai?"
"Ehm no, Charles, non è come pensi. Hank, diglielo pure
tu...ossignur che imbarazzo"
"Noi, stavamo...ecco...lui...viene dal futuro e..." 
L: "Vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole e più non dimandare"
X: (silenzio e perplessità)
L: (continua a fissare X con l'aria di chi la sa lunga)
X: "Mi hai convinto: ma come facciamo? Vai e li sgozzi tutti tu da solo mentre io e Hank ti aspettiamo fuori in macchina?"
L: "No, non posso scatenarmi. Se lo facessi, anche il mio vero corpo ...ehm... reagirebbe e io....uh...trafiggerei i miei compagni..."  (nota mentale: qualcuno ha pensato di mettere in sicurezza il mio corpo nel caso succedesse qualcosa del genere...?) 
X: "Ma non hai detto che la tua mente è stata trasferita qui? Nel futuro dovrebbe esserci solo un involucro vuoto..."
Snikt! Logan estrae gli artigli, afferra Xavier, e lo fulmina con lo sguardo.
L: "Ho detto di andare a liberarlo"
X: "Ok, mi hai convinto...ma come?"
L:"Conosco uno"
X:"Stai parlando di Nightcrawler, il teleporta?"
L:"No"
X:"Di Cain Marko, per altro mio fratellastro, detto Il Fenomeno?"
L:"No"
X:"E se condizionassi mentalmente i tizi al pentagono e..."
L:"No"
X:"E allora chi, dannazione"
L:"C'è un ragazzo, minorenne, che dovrebbe comparire anche nel film degli Avengers: che ne dici se facciamo una bastardata e lo coinvolgiamo in questa produzione così gli mettiamo i bastoni tra le ruote a quel maledetto di Joss Whedon?"
X:"Ehm...non so di cosa stai parlando ma...."
L:"Eddai, coinvolgiamo Pietro Maximoff!"
X:"Aspetta: dai miei archivi risulta esser figlio di Magneto. Ma quando sarebbe stato messo al mondo? E come fai a sapere dove abi..."
Snikt!
X:"Hank! Dannazione, Hank! Prendi l'auto. Presto!"
La bella Jennifer Lawrence
in versione naturale e in versione
Raven/Mystica
I tre partono allegramente. Non mi è chiaro perché Hank McCoy negli anni 70 poteva trasformarsi a comando (una cosa inventata di sana pianta....) e nel futuro (quando ha a disposizione maggiori mezzi e conoscenze) non più ma vabbé, accetto quel che accade.
A questo punto del film viene coinvolto il simpatico e pestifero monello veloce tanto quanto Flash. E grazie a lui, il nostro manipolo di eroi riesce a liberare Erik Lehnsherr dalla sua prigione di plastica.
A questo punto, essendo fuggito un super-criminale, mutante per altro, coinvolto nell'uccisione di Kennedy (dicono...) verrebbe legittimo pensare a qualche comunicato stampa, a qualche mobilitazione dell'esercito, panico o qualsiasi sentimento umano...invece nulla. 
"Ah, vabbè...", è il comunicato ufficiale con cui la CIA e l'FBI commentano l'accaduto.
Dopo qualche incomprensione, Charles ed Erik cooperano per rintracciare Mystica ed evitare che questa uccida Trask. Ma tutto va per il verso sbagliato e sebbene il geniale nanetto...aspetta...ma non era così nel fumetto? E soprattutto, non doveva c'entrare il senatore Kelly? Ma siamo sicuri della sceneggiatura...
Snikt!
Ehm....dicevo, sebbene salvo, il geniale scienziato avvia lo stesso il piano di difesa che prevede l'impiego delle Sentinelle per contrastare la "minaccia" mutante. 
Peccato che i suoi pachidermici robot non abbiano l'antivirus e possano essere riprogrammati usando del ... mi imbarazza dirlo... ferro...
Già, perché il buon (si fa per dire...) Magneto intercetta il sorvegliatissimo convoglio su cui viaggiano i robot (un banalissimo intercity Trenitalia privo di personale di bordo e di guardie, tanto, si tratta solo di robot il cui costo equivale al PIL della Francia ma vabbè....) e innesta su ciascuno di loro del ferro. Prelevandolo dalle rotaie...ma nessuno se ne accorge.
Questo stratagemma sembra sufficiente a padroneggiare e governare le macchine. 
Nel frattempo i buoni si organizzano e trovano il tempo per un drammatico incontro tra Charles Xavier del passato e quello del futuro dove l'argomento principale riguarda la perdita di capelli. Pur sapendo a cosa dovranno andare incontro non ci pensano nemmeno a telefonare alle autorità, a inviare una lettera o a contattare qualche mutante (magari ex-allievi) per cercare di sgominare il pericolo.
Per cui, il giorno dopo, a un simpatico convegno a cui partecipano Trask, Nixon le più alte cariche del governo, le Sentinelle si rivoltano contro i presenti minacciando l'incolumità del presidente e del suo entourage. E questo rende evidente quanto rigidi e severi siano i controlli effettuati su tali macchine: possibile che nessuno sia accordo che il peso di ciascuno di queste è raddoppiato? 
Dulcis in fundo, sempre il caro e simpatico Magneto, quello evaso e di cui a nessuno frega niente, prende in prestito uno stadio e lo usa per circondare la casa Bianca. 
Gli scherzetti del simpatico Quicksilver
Perché il luogo più ovvio per effettuare una dimostrazione delle famigerate Sentinelle è la casa Bianca. 
Tra l'altro, capisco che Erik riesca a sollevare e manovrare lo stadio sfruttando la presenza di metalli nella sua struttura ma, domando, siamo sicuri che questa regga? 
Voglio dire, avranno pur usato del cemento e qualche altro materiale, no? Questo avrà un peso e la tendenza a muoversi verso il basso seguendo la forza di gravità, giusto? 
Invece niente, tutto rimane compatto e solido come niente fosse.
Seguono menate varie, dibattiti sul senso della vita, su quanto sia bello essere mutanti (facile parlare quando siete fotomodelli: provate a spiegarlo a Toad), su quanto invece sia brutto essere razzisti, e badabim badabam la minaccia (Erik....aspetta, ma Logan non è stato inviato indietro nel tempo per fermare Mystica???) viene sgominata grazie al lavoro congiunto di Charles Xavier e Mystica (eeeehhh???). 
Quest'ultima spara a Magneto. 
Alla gola.
Lui sviene per un attimo, perde giusto 3 gocce di sangue e poi si riprende.
Ma anziché prenderlo e sbatterlo nuovamente in prigione lo lasciano libero. 
"Ego te absolvo a peccatis tuis in nomine patris et filii et spiritus sancti", recita Xavier mentre lascia andare l'amico-nemico felice - secondo me - di essersi sbarazzato di un rivale in amore. 
Sì perchè lui sbava dietro alla sorellastra Raven, ovvero Mystica. 
Al che, essendo Xavier il più potente telepate sulla faccia della terra, per di più giovane, con l'ormone a mille, mi domando come mai non sfrutti questo suo potere per condizionare gli altri e ciularsi senza se e senza ma qualunque pupa gli aggradi...
"Non lo fa perché è un buono", direte voi. 
"Un signore leale e onesto", aggiungerà qualcuno dal fondo, ammiccando convinto.
"Ma se ha liberato un pericolosissimo criminale che ha seminato disastri e morti a destra e a manca. E per di più l'ha lasciato libero di andare?"
Snikt!
"Ok...cambiamo argomento..."
I portali generati da Blink
Dicevo, da terrorista Mystica diviene un'eroina: muta se stessa in Nixon, incede verso Magneto e gli parla. Poi gli spara non appena ne ha la possibilità. Tutto ciò mentre viene ripresa da tutte le telecamere (del mondo credo...) e additata come prova vivente dell'esistenza dei puffi e del fatto che se sei gnocca puoi andare in giro senza vestiti addosso :-P
Nel frattempo, nel futuro, i reduci se la vedono brutta poiché incalzati dalle temibili Sentinelle.
Tentano l'impossibile scagliando loro addosso tutta la potenza di cui dispongono, tra cui il Blackbird, l'unico mezzo di trasporto a loro disposizione. Mezzo probabilmente individuato dai satelliti o dai sistemi di ricognizione delle Sentinelle, cosa che spiegherebbe come mai li abbiano individuati.
Considerando che tra le fila degli X-men c'è Blink, che cito
possiede un potere di teletrasporto, di molto maggiore a quello di Nightcrawler e Pixie, che le consente di spostare se stessa, oggetti interi o parti di essi di qualsiasi dimensione e persino altre persone a centinaia di chilometri di distanza 
mi domando come mai non pensino semplicemente di teleportarsi altrove anziché farsi annientare.
Evidentemente perché a nessuno è balzato in mente di documentarsi sui poteri di tale x-woman.
Ragion per cui le prendono e schiattano atrocemente. 
Pure Bobby Drake, l'uomo ghiaccio, mutante di classe omega capace di portare la terra sull'orlo di una nuova era glaciale, in grado di creare innumerevoli sui cloni oltre che giganti di ghiaccio...ma qui niente, al più congela porte o brandelli di sentinelle. 
Fatto sta che di punto in bianco tutto si resetta e lo scenario cambia.
No...aspetta....è il dvd che è danneggiato.
Rewind...ok, riproviamo.
Azz...è proprio il film che è fatto così. 
COSA diamine significa? 
Ammesso e concesso che la linea temporale sia unica, lo scenario futuro avrebbe dovuto cambiare in continuazione oppure istantaneamente dopo la partenza di Wolverine, e non solo a comando. 
Per di più, gli stessi personaggi del futuro avrebbero dovuto aver memoria di "un altro passato", per lo meno Xavier e Magneto.
Invece nulla.
NULLA
AAAAARghhhhhh!!!
Foto di gruppo: dite "budda-budda-budda-budda-kaboom"!
Succede invece che il buon Wolverine si risveglia con una leggerissima confusione mentale, tipo postumi da sbronza ritrovandosi in un futuro completamente diverso da quello che ricordava in cui le sentinelle non ci sono (ne siamo sicuri??), la bella Jean è viva e pure Scott Summers. 
Ordunque, vien da chiedersi come sia possibile e che senso possa avere tutto ciò. Ma sono propenso a ritenere che nemmeno gli autori del film conoscano questo arcano segreto.
Che poi, bio parco, pensandoci bene, un'altra delle più grosse pecche del film riguarda proprio la caratterizzazione di Wolverine. Altro che buonismo e bei discorsi e messaggi di speranza ecc... quello vero si sarebbe prodigato in una, una, telefonata a Xavier e poi via a dare la caccia di Mystica per regalarle una bella serie di romantiche artigliate sulla schiena e chi si è visto s'è visto. E già che c'era, magari una bella visita anche a quel simpaticone di Bolivar Trask. 
D'altronde, stiamo parlando di un personaggio dall'indole focosa e bellicosa, con istinti ferini e manie omicide. "Sono il migliore in quello che faccio. Ma quello che faccio non è sempre piacevole.": questo dice spesso e volentieri di sé. E non si riferisce certo alla pulizia delle latrine (come accadeva in una vecchia storia di Leo Ortolani ^_^ ), ma all'estirpazione di vere e proprie minacce per la razza umana e mutante. E questo dietro ordine diretto di Scott Summer (leader mondiale dei mutanti) e con la collaborazione di altri simpaticoni quali Psylocke, Deadpool, Arcangelo, Warlock, Nightcrawler e Fantomex, proprio come descritto nella recente (e splendida) Uncanny X-Force.
Ma di tutto ciò nessuno si preoccupa, e quindi dobbiamo accontentarci di un Wolverine "padre di famiglia", che però non perde occasione di mostrarsi ignudo e di mettere in mostra il suo fisico possente.
E prima ancora di riuscire a metabolizzare il finale e, nel complesso, tutto quanto visto in X-Men: Giorni di un futuro passato, i titoli di coda giungono alla fine.
Lasciano il posto al nero.
L'oscurità infine trascolora lasciando intravedere un paesaggio desertico.
"En Sabah Nur", gridano.
"No..." sussurro io.
"En Sabah Nur", insistono loro.
"No, ti prego no..."
"En Sabah Nur", esultano gli schiavi mentre il futuro Apocalisse erige una piramide.
Poi tutto diventa nero.
E io rimango attonito, confuso e incredulo.
A parte che En Sabah Nur lavorava alla costruzione delle piramidi in qualità di schiavo - ok, uno schiavo particolare perché era già alto due metri e capace di smuovere da solo una pietra per la quale servivano almeno 20 tizi normali -, cosa diamine state architettando voi della Twentieth Century Fox???
Mi piace vestirmi in modo ridicolo. Qualche problema?
Dai dai, fatevi sotto! 
Da qualche parte si parla di ambientare il film negli anni 80, qualcuno vocifera che si proporrà un adattamento de L'era di Apocalisse (vi scongiuro, non fatelo!). Ci sono pure rumors sull'introduzione dei personaggi di Gambit, di Psylocke e di Cable...difficile da giustificare visto se uno dei suoi genitori (Scott Summer) risultava morto nel terzo capitolo della saga cinematografica dedicata agli X-men...motivo per cui è stato architettato il pasticcio del ritorno dal viaggio nel tempo di Wolverine....
Staremo a vedere quel che accadrà, insomma.
A mio avviso, se volessero veramente rendere onore agli X-Men, la cosa più giusta da fare sarebbe quella di giustiziare in piazza Brian Singer e Simon Kinberg, un monito per tutti gli altri. Successivamente, provare a realizzare una serie tv concentrandosi su pochi personaggi e cercando di non fare cagate.
Oppure, al più, trovare un mutante con la capacità di viaggiare indietro nel tempo e impedire sul nascere che simili zozzerie vengano prodotte.
Che poi basterebbe poco per confezionare qualcosa di memorabile. In fondo, le capacità filmiche ci sono, gli effetti speciali degni di nota pure, così come un valido cast e una discreta occasione di guadagno. Peccato per la superficialità con cui si elaborano le storie proposte :-(




Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...