sabato 19 gennaio 2008

..:: Polizia calda ::..

E torniamo a parlare di film...anche perchè sugli ultimi avvenimenti della settimana, a livello politico e papale non saprei bene che dire...un po' mi sa che sarebbe come sparare sulla croce rossa. Senza contare il fatto che non saprei bene cosa dire...
Preferisco quindi parlare d'altro, di film come già vi accennavo. Come probabilmente già avrete intuito si tratta di..no! Che avete capito? Non è l'ennesimo filmino sconcio targato De Boldi & Sica. E nemmeno il ritorno dei tanti amati (??) filmini anni settanta. Si tratta invece dell'amichevole traduzione di Hot Fuzz. Chissà perchè questo film non l'hanno tradotto in italiano come al solito...un po' come accade di solito con i vari film hollywoodiani (Pirates of the caribbean -> La maledizione della prima luna, Eternal sunshine of a spotless mind -> Se mi lasci ti cancello, Troy -> ehm...questo no). Tra l'altro, in tema di traduzioni, vi segnalo un post di un lettore sul blog di Daniele Luttazzi in merito a come è stato resto il titolo di un articolo pubblicato all'estero sulla visita del papa all'università La Sapienza e le relative proteste.
Ma torniamo a noi.
Dicevo che, mi spiace per voi, questo non è un post su filmini squallidi nè sull'ultima fatica di qualche attrice hard bensì su Hot Fuzz. L'ho visto in due serate diverse e ve lo consiglio assai. Già il fatto che alla sceneggiatura ci fosse la coppia Wright-Pegg, la medesima di Shaun of the dead faceva ben sperare in un film più che godibile e apprezzabile. La visione ha solamente confermato tutto ciò. La trama in breve: l'agente Angle è un poliziotto tutto d'un pezzo, ligio al dovere e infaticabile. La sua tenacia e la sua dedizione al lavoro fanno di lui il miglior poliziotto di Londra con una media di arresti superiore - del 400% - a quella dei colleghi. Facendo far loro una pessima figura. Di conseguenza, viene allontanato e inviato a Sanford, un remoto paesino sperduto nella campagna britannica in cui, praticamente, non succede una beneamata... Sandford è infatti una placida cittadina vincitrice per più anni consecutivamente del titolo di "miglior paesino" inglese, in cui gli omicidi sono praticamente nulli e i casi più eclatanti in cui sono coinvolti i poliziotti riguardano il ritrovamento di animali scomparsi o la risoluzione di controversie tra cittadini che potano siepi altrui. Tutt'altra cosa rispetto a Londra. L'agente Angel si ritrova quindi in una sorta di incubo...ma una serie di incidenti gli fa credere che dietro la facciata di una normale cittadina ci sia ben altro...in fondo, non è normale che due persone rimangano decapitate a causa di un incidente no?
Hot fuzz è quindi un film d'azione che non ha nulla da invidiare a pellicole del calibro di Arma Letale o Point Break, godibile e ben girato, scorre avvincente e convincente. Sarà anche per la presenza di bravi attori (tra cui anche un Timothy Dalton ripescato da chissà dove), di siparietti comici e altri splatter, di tempi ben cadenzati e numerose citazioni (su tutte, quella del combattimento tra Neo e l'agente Smith in The Matrix Revolutions) ma a me è piaciuto assai. E in un periodo in cui la maggior parte delle produzioni gioca tutto su effetti speciali sempre più costosi, su nomi di attori più belli che capaci di recitare, Hot Fuzz mi appare come un toccasana, come una piccola perla di originalità che merita di essere pubblicizzata.
Ergo (proxy?) lo segnalo e ve lo consiglio ^__^
Anche perchè, giusto per svelarvi qualche momento del film, dove la trovate una sparatoria assurda e spassosa per le vie di un paesino semideserto? Una sparatoria tra due poliziotti armati di tutto punto e un manipolo di cari e insospettabili vecchietti tra cui addirittura un reverendo? Oppure uno scontro all'ultimo sangue, con tanto di ariete improvvisato con dei carrelli, tra le corsie di un supermercato?
In fondo, sono le idee originali e le buone sceneggiature a rendere indimenticabili i film (pensate alla resa della "fine del mondo" nel 13° piano ad esempio) e non le comparsate di attrici gnoccolose o mirabolanti effetti speciali ad intontire gli spettatori (...con le dovute eccezioni ovvio....). Anzi, sono proprio i film ben realizzati ad amplificare l'effetto di inutilità di fronte a stra-pubblicizzate pellicole insulse o a mettere in ridicolo (volutamente come in Hot Fuzz o in Shaun of the dead) i cliches usati e abusati nelle produzioni del medesimo genere cinematografico.
Ciao a tutti e alla prossima!!

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...